logo-youtube  Facebook

Array
Home Page

Torneo delle Regioni, presentata la 51^ edizione

LNDÈ di nuovo Torneo delle Regioni. La storica kermesse della Lega Nazionale Dilettanti compie 51 anni e si proietta in una nuova esaltante dimensione. Dopo il successo della scorsa edizione nel Lazio, quest'anno gli oltre 2700 tra atleti e dirigenti che compongono la base della piramide del calcio italiano si sono dati appuntamento in Basilicata, dal 31 marzo al 9 aprile, per giocare quasi 250 gare. Il Torneo mette di fronte le rappresentative di tutti i comitati regionali della LND, convogliando in terra lucana ben 6 squadre ciascuno, una per categoria: Juniores, Allievi, Giovanissimi e Femminile per il calcio a 11 e Calcio a 5 maschile e femminile.

  La base operativa della manifestazione sarà la costa Jonica tra Policoro e Metaponto, dove sono collocate le migliori strutture ricettive della zona, ma si giocherà ovunque. Per la presentazione ufficiale, però, il Comitato Regionale ha scelto il capoluogo di regione, precisamente l'Auditorium Rai di Potenza. Dopo l'introduzione del padrone di casa Fausto Taverniti, direttore sede Rai, ha preso la parola il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Carlo Tavecchio: "Il Torneo delle Regioni non ha solo una valenza regionale e nazionale, cui noi siamo molto legati, piuttosto è la porta verso l'Europa, l'UEFA, con l'organizzazione della Regions' Cup, investe sul calcio dilettantistico e noi siamo in prima fila con il supporto a tale strategia, visto che ospiteremo il prossimo ottobre in Veneto la fase di qualificazione alle finali del 2013". La vittoria nella categoria Juniores al Torneo delle Regioni, infatti, vale l'accesso allo spareggio che spalanca le porte alla partecipazione della più importante manifestazione calcistica non professionistica della quale l'Italia vanta due vittorie di prestigio (il Veneto nel 1999 ed il Piemonte Valle d'Aosta nel 2003). Entrando nello specifico della kermesse pasquale della Lega Dilettanti, Tavecchio ha sottolineato quanto questo evento sia strategico nella politica sportiva della LND: "Il Torneo delle Regioni rappresenta un investimento importante dal punto di vista sportivo e agonistico giovanile ma anche economico, con una ricaduta ragguardevole sul territorio di oltre 1 milione di euro. La nostra è una sfida che rafforza il sistema Paese, con una linfa vitale in termini monetari e svolgendo un altrettanto importante compito sociale con i giovani ed impegnando in maniera positiva il tempo libero degli italiani". "Infine - ha chiosato Tavecchio - voglio rivolgere un ringraziamento personale al presidente regionale Rinaldi che fa dello stile e della concretezza le sue doti migliori e che, ne sono convinto, contribuirà a fare della 51^ edizione un successo per la LND e per la Basilicata". Dopo di lui è intervenuto Piero Rinaldi, presidente del CR Basilicata: "Questo è un momento importante nella storia calcistica lucana, lavoriamo da anni per migliorare e sostenere la pratica del calcio nella nostra regione ed ora, vinte sfide avvincenti, ci tuffiamo anima e corpo in un'altra avventura affascinante, lo facciamo per i nostri ragazzi e per l'intero territorio perché questa è una scommessa coraggiosa che crediamo di poter vincere soprattutto come regione Basilicata". L'attesa sta crescendo, c'è la ferma intenzione di dimostrare qualità nell'accoglienza e varietà nell'offerta turistica che rappresenta nell'intenzione del CR Basilicata e dell'APT regionale un'occasione unica di promozione del territorio. "Abbiamo previsto un programma di visite per gli atleti e le delegazioni con l'obiettivo di far conoscere le nostre bellezze - ha affermato Rinaldi - tra le quali sicuramente la punta di diamante è rappresentata dai famosi ‘sassi di Matera' nel giorno 4 aprile". Davanti ad una platea attenta ed interessata, composta anche dal vice presidente LND per l'Area Sud Antonio Cosentino e dai presidenti regionali di Molise, Campania, Calabria, Abruzzo e Sicilia, Rinaldi ha poi illustrato location e calendario del Torneo. Sono interessati, tra campi di calcio e palazzetti per il futsal, 28 impianti disseminati in 32 diverse città con uno sconfinamento necessario in terra pugliese, in provincia di Taranto, per ridurre al minimo le distanze e gli spostamenti per le rappresentative. La 51^ edizione del Torneo delle Regioni è anche solidarietà e divertimento fuori dal campo: "Devolveremo a Telethon un contributo fisso per ogni gol che verrà segnato ed organizzeremo un festival della comicità dove tutti i gruppi comici lucani, le scuole e quanto vorranno esibirsi, potranno gareggiare intrattenendo gli ospiti di questa grande manifestazione", ha concluso Rinaldi. Subito dopo sono intervenuti i rappresentanti delle istituzioni , chiamati a sostenere fattivamente un evento di tale portata. A cominciare dall'assessore allo sport della provincia di Matera, Antonio Montemurro, dal suo collega della provincia di Potenza, Nicola Figliola, e dall'assessore allo sport della Regione Basilicata Vincenzo Viti, il quale ha voluto sottolineare come "in un momento difficile per l'intero Paese, lo sport deve tornare ad essere culla di una nuova moralità civile, con il concorso attivo del mezzogiorno d'Italia". Per dare ampio risalto alla manifestazione, la Lega Nazionale Dilettanti ha previsto il consueto spiegamento di forze in termini di comunicazione: oltre ad un puntuale aggiornamento del sito dedicato (www.lnd.it/torneodelleregioni), sarà possibile vivere ogni giorno le emozioni del Torneo attraverso le immagini della trasmissione TDR Tv on line ogni sera sul player youtube della LND, mentre gli atleti avranno a disposizione un quotidiano gratuito, distribuito negli hotel, di ben 16 pagine dedicato alle loro gesta. Diverse, inoltre, sono le novità in serbo sui social network facebook e twitter.

 

FACILE-PEC-banner-UST-200x150

fatturazione-elettronica-echo-sistemi

tkssponsors

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito